News

La giornata di Natale è stata funestata dalla notizia della morte di una donna in seguito all’aggressione dei suoi due Rottweiler. Come spesso succede la vicenda è stata  archiviata senza che vi sia stato da parte dei media un approfondimento sulla dinamica che ha portato alla tragedia. Ce ne parla Diana Lanciotti, giornalista, scrittrice e fondatrice del Fondo Amici di Paco, associazione nazionale per la tutela degli animali, da tempo impegnata anche sul fronte dell’educazione cinofila come requisito fondamentale per una convivenza serena con i nostri quattrozampe.

Il giorno di Natale a Concordia sulla Secchia, in provincia di Modena, due Rottweiler hanno aggredito la loro proprietaria, che è morta per le ferite. E come per episodi analoghi che coinvolgono razze considerate pericolose si è scatenata la solita guerra tra chi le difende a spada tratta e chi ne auspica addirittura l’estinzione.
Ne ho parlato altre volte, purtroppo, perché ogni tanto succede e quando succede il raziocinio va a farsi benedire e nascono accesi dibattiti, basati più che altro su prese di posizione scevre di qualunque barlume di cultura cinofila, lontane da ogni riflessione pacata, accompagnate dal solito tifo da stadio, la solita partigianeria che vede gli esseri umani azzuffarsi per qualunque questione, anziché cercare un confronto costruttivo.

Per leggere il seguito: https://www.dianalanciotti.it/rottweiler-sotto-accusa/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + 2 =

Commenti sul post