Cari amici, anche quest’anno mi appello a voi e alla vostra sensibilità per far sì che l’ultimo dell’anno non sia un momento di terrore per tanti cani.

Come voi sapete noi cani siamo dotati di un udito estremamente sensibile, e per molti di noi la notte di Capodanno rappresenta un vero e proprio incubo. Il rumore dei “botti” provoca spesso in noi un profondo terrore, con conseguenze che possono essere gravissime per la nostra salute fisica o psichica. Mi appello perciò a voi che amate i vostri cani: da quest’anno, rinunciate a sparare i botti. Un fugace attimo di divertimento può provocare tantissimo dolore.

Alcuni cani, terrorizzati dai botti, muoiono di crepacuore, altri fuggono da casa. E poi, visto che purtroppo sarà difficile debellare tutto in una volta questa barbara usanza, fate di tutto perché i vostri cani non soffrano per i botti sparati da chi non ci ama: custoditeli in luoghi in cui si sentano protetti e dai quali non possano fuggire in preda al terrore, come riescono a fare tanti cani ogni anno la notte del 31 dicembre. Lo spavento a volte li porta così lontani che non ritrovano la via di casa… per non dire dei pericoli che ogni cane da solo può incontrare per strada.

Sono piccole attenzioni, quelle che vi chiedo, che fanno parte del normale senso di responsabilità e di rispetto che tutti dovrebbero nutrire nei riguardi degli animali di casa. Metterle in pratica sarà il miglior modo per iniziare un anno sereno in compagnia dei vostri migliori amici.

Conto su di voi e sul vostro affetto verso coloro che per tutto l’anno vi fanno compagnia e meritano un pensiero speciale anche l’ultimo giorno dell’anno. Una stretta di zampa e tanti cari auguri, senza botti, ma con tanta gioia (e rispetto) nel cuore.

Paco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − 6 =

Commenti sul post