News

Il 7 marzo del 1992 il mitico testimonial del Fondo Amici di Paco entrava nella vita di Diana Lanciotti e del marito Gianni ispirandoli ad aiutare i suoi simili meno fortunati di lui, come fanno con grande impegno da 26 anni attraverso l’associazione no profit fondata nel 1997. Ricordiamo l’importante anniversario attraverso le parole di Diana sul suo sito www.dianalanciotti.it  le testimonianze di chi l’ha amato e alla sua scomparsa ha voluto tributargli un affettuoso omaggio (altre testimonianze su: www.dianalanciotti.it/ricordando-paco/).

 

Il 7 marzo 1992, cioè trentun anni fa, Paco entrava nella nostra vita, sconvolgendola. Paco è stato il cane del destino per noi e per migliaia di cani e di gatti che grazie a lui hanno visto riconosciuti i propri diritti e conquistato un ruolo importante nell’ambito della società.
Attraverso il Fondo Amici di Paco, nato nel 1997, Paco ha fatto e continua a fare, anche ora che non c’è più fisicamente, grandissime cose per aiutare i suoi simili meno fortunati di lui. E la sua storia ha insegnato a tanti ragazzi i valori del rispetto e della comprensione verso tutte le specie viventi.

Grazie, Paco. Voglio ricordarti attraverso le parole dei ragazzi che hanno letto la tua storia.

Diana

Gentilissima signora Lanciotti, apprendo ora che Paco, carissimo, se n’è andato. Ci mancherà. Io continuo a leggere le sue avventure, ogni mattina, in classe, davanti a facce attente e occhi interessati. Tutti i miei alunni lo hanno sempre amato, tutti lo hanno apprezzato attraverso le sue toccanti e profonde parole. Lei è la memoria di Paco, la sua voce: e più leggo e rileggo il suo libro su Paco e più mi accorgo che questa, signora Lanciotti, è la sua vocazione. Attraverso lei migliaia di professori e di studenti hanno avuto il privilegio e la fortuna di conoscere il suo amato Paco. Non lo dimenticheremo. Con profonda gratitudine e con i migliori pensieri a lei e suo marito
Marzia M.

Ho appreso proprio adesso che Paco non c’è più. Ho qui vicino a me il mio piccolo Paco, che ho chiamato così dopo aver letto tutte le avventure dell’ex re della strada; mi guarda e non capisce perché il mio sguardo si è fatto triste. Purtroppo la vita dei nostri beniamini è troppo breve. L’unica cosa che ci può consolare è il ricordo dell’amore che ci siamo scambiati e che ci terrà uniti per tutta la vita e oltre. Qualcuno ha detto: “vivere nel cuore di chi resta non è morire”. Tu caro Paco sei nel cuore di così tanta gente da vivere in eterno! Ciao Paco! Non ti dimenticherò mai.
Laura

Ho letto i tuoi libri, Paco, e avrei voluto conoscerti. Mi piace parlarti e scriverti come se tu fossi ancora vivo, come se tu potessi leggere le mie parole e sentire quanto affetto porto nel mio cuore per te. Quanti pianti ho fatto leggendo le tue storie, ma anche tanti momenti belli quando parlavi delle avventure con i tuoi amici. Buona notte amico Paco, sorveglia tu dall’alto questo mondo crudele fatto di persone cattive che non sanno cosa vuol dire provare affetto per il nostro amico più fedele, proteggi me e il mio cane Lupin dal tuo paradiso, e mandaci un bacio dei tuoi ogni volta che dal cielo ci vedi camminare insieme. Ti voglio bene Paco!!! Resterai sempre nel mio cuore!
Alessandro

Caro Paco, Re della strada, noi ragazzi ti abbiamo scritto tante lettere in occasione della partecipazione ai tuoi premi letterari, ma ora che non sei più tra noi vogliamo salutarti per l’ultima volta, dirti che ti vogliamo bene e ringraziarti per averci dato tante belle emozioni attraverso la lettura delle tue avventure e aver destato nei nostri cuori non solo sentimenti di pietà e solidarietà verso i cani abbandonati e maltrattati a causa dell’egoismo e della cattiveria degli uomini, ma anche di averci insegnato ad amare di più gli animali e di averci fatto comprendere quanto sia importante rispettare tutti gli esseri viventi che popolano la nostra terra. Addio, dolce e indimenticabile Paco. Con grande affetto
Alunni della Scuola Media Statale di Surbo

Carissima Diana sono tanto triste… la cosa bella è che quel cagnolino ha fatto così tanto che è giusto che tu prosegua il tuo lavoro per difendere gli animali, e noi lo faremo con te. Mi auguro che l’insegnamento di Paco sia sempre ricordato e diffuso per aiutare tutti gli animali che sono stati meno fortunati di lui. Spero che tu farai sempre di più cercando di entrare nella vita delle persone attraverso mezzi che ti permettano di dare voce e conoscenza del tuo operato. Quindi non arrendiamoci.
Un bacio grande a te e uno al grande Paco
Paola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 + diciannove =

Commenti sul post