Riceviamo dall’Onorevole Mancuso, veterinario e parlamentare di Forza Italia, il testo della sua interrogazione presentata al Governo sul problema dei cani importati dai paesi dell’Est europeo. Se decidete do acquistare un cane, rivolgetevi solo ad allevatori di fiducia e chiedete consiglio al veterinario.Roma,
Interrogazione a risposta in scritta
Al Ministro della Salute
Al Ministro per il Commercio Estero

Interrogante: On. Gianni Mancuso
———————————————

Per sapere, premesso che

– Da anni le associazioni di Medici Veterinari, singoli professionisti e svariate associazioni animali-ste denunciano il terribile commercio di cuccioli di animali (spesso cani, ma anche di altre specie);
– Questo enorme traffico illegale proviene principalmente dai Paesi dell’Est europeo dove i controlli sono piuttosto carenti;
– In Romania, Repubblica Ceca, Polonia ed altri Paesi dell’Est un cucciolo di razza costa circa 50 euro, rivenduto poi in Italia anche per 1.000 euro tramite una rete di commercio in nero;
– Centinaia di cuccioli strappati dalla loro madre non ancora svezzati, vengono caricati su camion e vengono letteralmente imbottiti di potenti antibiotici, immunoglobuline e sulfamidici allo scopo di presentare in salute (solo per la durata della vendita) i poveri animali, che spesso dopo pochi gior-ni presentano malattie se non addirittura muoiono per le conseguenze del viaggio massacrante che sono costretti a fare;
– Sono otre 70.000 i cuccioli che sono stati “smerciati” in un lustro con la complicità di allevatori e commercianti senza scrupoli;

– Quali siano gli intendimenti del Governo per rafforzare i controlli su questo increscioso fenomeno che coinvolge animali indifesi, e se sia intenzione del Governo inasprire le pene per chi importa e vende questi poveri cuccioli che spesso sono destinati a morire a causa delle pessime condizioni di trasporto cui sono sottoposti.

On. Gianni Mancuso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × tre =

Commenti sul post