Tranquilli, non stiamo lanciando l’ennesima raccolta fondi per l’Abruzzo. Ce ne sono già tante (forse troppe). Vogliamo invece informarvi di quanto stiamo facendo per cercare di aiutare i volontari che si stanno impegnando laggiù. Abbiamo cercato Francesca, la responsabile delle Cuccefelici e della Lega Nazionale per la difesa del cane de L’Aquila. Li abbiamo già aiutati in passato varie volte e proprio sul numero 42 di “Amici di Paco” abbiamo pubblicato i ringraziamenti della stessa Francesca per gli antiparassitari che le abbiamo potuto donare grazie alla Campagna Antiparassiti 2008 promossa dal Fondo Amici di Paco. Ieri finalmente sono riuscita a parlare con Carolina, la sorella di Francesca, che mi ha aggiornata sulla situazione. Il loro canile non ha avuto danni, per fortuna, e tutti i cani stanno bene. Le scorte previste per loro, però, ora vengono utilizzate anche per le emergenze esterne, quindi finiranno prima del previsto. I volontari di zona stanno cercando di recuperare i cani vaganti e quando possibile di ricongiungerli alle loro famiglie. Dato che le spedizioni tramite corrieri per ora non sono possibili vista la situazione, l’unica possibilità di mandare aiuti (cibo, medicinali) sarebbe di portarli direttamente con un furgone, oppure di inviare denaro per permettere loro di acquistare direttamente in zona ciò che serve. Ed è così che abbiamo deciso di intervenire, per ora, anche se sarà impegnativo, visto che le casse sono vuote dopo gli aiuti che abbiamo appena donato al Rifugio dei Fratelli Minori di Olbia per il rifugio stesso e per i cani di Luigi Hary (vedi “Amici di Paco” 42). Quello che potremo ce lo metteremo di tasca nostra, io e Gianni, in attesa che nelle casse del Fondo entri ancora qualcosa, Nel frattempo ho ricontattato l’azienda da cui abbiamo acquistato i vaccini, gli antiparassitari e i medicinali inviati a Olbia, per chiedere prodottti per l’Abruzzo. Carolina mi ha detto che nell’immediato non c’è carenza di provviste, ma mi ha espresso il timore che in futuro, spenti i riflettori sulla tragedia del terremoto (basterà che i giornalisti scelgano di concentrare la loro attenzione su altre notizie), molti si dimenticheranno di quanto è successo. Di comune accordo abbiamo stabilito che il Fondo Amici di Paco inizierà quindi (come le formichine) a raccogliere materiale che invieremo poi quando ci sarà una necessità più immediata. Nel frattempo, come ho già scritto, attingeremo direttamente alle nostre tasche (non alle casse del Fondo, che come dicevo sono vuote) per inviare un po’ di denaro. Se volete darci una mano in questo senso, contattatemi direttamente allo 030 9903142 o scrivetemi a: diana@amicidipaco.it. Un’ultima informazione, per sgombrare il campo dai dubbi di chi crede che pensiamo solo agli animali: personalmente io e Gianni abbiamo aderito alla sottoscrizione a favore delle Protezione Civile, nella convinzione che sia giusto concentrare i propri aiuti su chi si sta dando veramente e seriamente da fare. Diana Lanciotti fondatrice Fondo Amici di Paco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque − quattro =

Commenti sul post